Friday, November 25, 2016

In Art We Find Beauty and Comfort


Non penso che l’arte abbia un potere.
Ma sicuramente ha un valore. Chi si interessa all’arte ne trae conforto.
Riceve consolazione semplicemente dalla sua bellezza
(Gerhard Richter )

Uno dei pittori più influenti della nostra epoca Gerhard Richter ha rilasciato un’intervista video al Louisiana Museum of Modern Art, che ha appena acquisito una sua opera.
Le sue parole rivelano l’essenza di un pensiero in cui si palesa il bisogno di esprimere, da parte dell’artista, un giudizio su quanto vissuto nel corso degli ultimi decenni da un pittore che ha attraversato gran parte della storia dell’arte contemporanea mondiale.
 Oggi la bellezza non è nella moda non è quello di cui abbiamo bisogno. Abbiamo bisogno di intrattenimento, di sensazioni”.
Intrattenimento e sensazioni, secondo Gerhard Richter la vera bellezza nell’arte si esplica quindi attraverso il bisogno di esprimere insito nell’arte: produrre emozioni.
L’artista tedesco ribadisce un concetto provato da chi l’arte l’ha vissuta in prima persona e l’ha realizzata come motivo dominante sia nella carriera che nella vita.
Di arte è pieno il mondo, un’arte, secondo le parole di Gerhard Richter, allegra e affollata di idee, di persone e di voglia di creare.
Si è pieni di mezzi di trasmissione che abbattono muri e frontiere, ricchi di comunicazione globale tra pensieri e immagini e l’arte ne diventa il veicolo primario per dare voce ad ogni sensazione.
Nel mondo contemporaneo parlare solo di bellezza nel senso classico del termine è riduttivo: non esiste bello o brutto in arte, esiste la scelta di poter scegliere.
Il quadro, la scultura, sono mezzi che nei secoli sono serviti a veicolare il concetto di bellezza che nell’arte contemporanea si è trasformato dialogando con nuovi materiali e nuove ideologie, si parla di bellezza anche attraverso il corpo, la performance, la body art così come con la poesia visiva e la videoarte.
 
La creazione è gioco, quindi secondo Richter l’arte è negli ultimi tempi giocosa, si ha bisogno di arte, di fare e produrre arte, ma si ha il dovere di distinguere ciò che è arte e ciò che è divertimento fine a se stesso.
Troppe persone oggigiorno si sentono artisti solo perché viene a loro data la possibilità di esprimersi, si arriva a prendersi poi troppo sul serio, ci si arrabbia se il lavoro non viene riconosciuto o apprezzato, si cercano capri espiatori sotto il nome  di critici, gallerie, istituzioni, dimenticando che prima di tutto si è dentro un gran calderone senza filtri ed esposti a tutto, chiamiamolo sistema o gioco, ma sempre un enorme minestrone di emozioni e idee resta.
Se del gioco iniziale si perdono le regole, gli obiettivi e, soprattutto, la voglia di divertirsi, allora non vale la pena esporsi ed essere pronti ad ogni tipo di giudizio o di confronto con altri artisti e di sapere che, nel bel mezzo di questo immenso panorama, ci sarà sempre chi è peggiore di te, ma ci sarà anche, soprattutto, chi è migliore di te.
Forse è proprio per questo che negli ultimi anni si parla sempre più di “arte emozionale”, un’arte che sia pacificatrice con il mondo esterno, un’arte che produca sensazioni, piacevoli o no, ma che sia un porto per tutte le emozioni che si incanalano poi verso un’opera d’arte.
Quindi un’opera d’arte deve contenere in sé i principi base delle emozioni: gioco, creatività, bellezza, sensazione e tutte queste realtà insieme si fondono in un unico concetto che si fa, appunto, arte. L’umiltà e la genialità, anche se spesso non vanno di pari passo, dovrebbero essere il biglietto da visita di ogni artista, capire e studiare il mondo passato poi serve a capire il presente per evitare errori o ripetizioni, sia nella storia, sia nell’arte.
L’arte è relazione, è comfort, è bellezza, è potere ed è soprattutto emozione.
Quello che si presenta quindi nelle parole di Gerhard Richter è una lucida visione di come si arrivi a rendere potente il mezzo artistico che si fa da collante e tramite con le emozioni, proseguendo poi con la spiegazione di come il ruolo dell’artista serva a dar voce alle persone in un mondo che comunica sempre di più, ma parla sempre di meno.
Massimiliano Sabbion
 

No comments:

Post a Comment