Monday, May 4, 2015

04/05 - 08/05 - News e mostre della settimana


 
MICHELANGELO PISTOLETTO. TERZO PARADISO - LA MELA REINTEGRATA

Dal 03 Maggio 2015 al 20 Maggio 2015, Piazza Duomo - Milano

Dal 3 al 20 maggio 2015 Piazza Duomo a Milano cambierà volto grazie al “Terzo Paradiso - La mela reintegrata”, una nuova opera di Michelangelo Pistoletto dal potente impatto visivo ed emotivo, a cura di Cittadellarte – Fondazione Pistoletto e realizzata da un’idea e in collaborazione con il FAI – Fondo Ambiente Italiano, con il Patrocinio del Comune di Milano.

Una mela di straordinarie dimensioni, di circa otto metri di altezza per otto di diametro, costituita da una struttura metallica rivestita da un tappeto di erba naturale e con un “morso” sulla sommità, reintegrato grazie a una cucitura metallica, verrà costruita passo dopo passo nei giorni precedenti il 3 maggio. Intorno a essa e al centro della piazza, su una superficie di oltre 1000 mq, sarà realizzato con oltre 100 balle di paglia il simbolo del “Terzo Paradiso”, riconfigurazione del segno matematico dell’infinito che per Pistoletto rappresenta la fusione tra il “paradiso naturale” e il “paradiso artificiale”.

Così spiega Michelangelo Pistoletto: “Il simbolo della mela attraversa tutta la storia che abbiamo alle spalle, partendo dal morso, che rappresenta il distacco del genere umano dalla Natura e l'origine del mondo artificiale che si è sviluppato fino a raggiungere le dimensioni totalizzanti di oggi. La mela reintegrata rappresenta l'entrata in una nuova era nella quale mondo artificiale e mondo naturale si ricongiungono producendo un nuovo equilibrio planetario.”

Telefono per informazioni: +39 015 0991454
E-Mail info: m.cugini@cittadellarte.it

 

 
DONATELLO SVELATO. CAPOLAVORI A CONFRONTO. IL CROCIFISSO DELLA CHIESA DEI SERVI A PADOVA, DELLA BASILICA DEL SANTO E DI SANTA CROCE A FIRENZE

Dal 27 Marzo 2015 al 26 Luglio 2015, Museo Diocesano - Padova

Il termine “svelato” utilizzato nel titolo non è affatto casuale. Al centro dell’esposizione sarà infatti un Donatello che va ad aggiungersi al catalogo delle opere certe del maestro fiorentino, il Crocifisso dell’antica chiesa padovana di Santa Maria dei Servi.

La mostra, ospitata nello scenografico Salone dei Vescovi, sarà così l’occasione storica di ammirare riuniti per la prima volta tre grandi Crocifissi che Donatello produsse nel corso della sua vita: quello realizzato per la chiesa di Santa Croce in Firenze (1406-08) - oggetto di una celebre gara con l'antagonista Filippo Brunelleschi raccontata da Giorgio Vasari nelle sue Vite -, quello dei Servi e quello bronzeo della Basilica di Sant'Antonio a Padova (1443-1449).

Un'opportunità assolutamente unica e inedita di osservare da vicino i tre capolavori, leggendo attraverso di essi il percorso compiuto dall'artista dagli anni giovanili alla piena maturità, e di confrontarsi con il fulcro del messaggio cristiano attraverso l'interpretazione che un grande artista del Rinascimento ne ha dato nel corso della sua esistenza.

Telefono per informazioni: +39 049 8761924 / 049 652855
E-Mail info: info@museodiocesanopadova.it
Sito ufficiale: http://www.museodiocesanopadova.it

 

NEWS

 


BIENNALE DI VENEZIA: SI RITIRA IL KENYA

Venezia - Con uno scarno comunicato la Biennale di Venezia informa ufficialmente che il Governo della Repubblica del Kenya, nel Ministero dello Sport, Cultura ed Arte ha ritirato la propria Partecipazione Nazionale alla 56. Esposizione Internazionale d’Arte.

Dopo l’autoesclusione del Costarica, la decisione keniota rimbalza in Laguna a soli 11 giorni dall’inaugurazione, soffiando sul fuoco delle numerose polemiche che avevano accompagnato l’allestimento di un padiglione in cui non figuravano "legittimi" rappresentanti del Paese ma piuttosto artisti cinesi, un’artista di origini keniote residente in Svizzera e l’italiano Armando Tanzini.

 


GUIDA AI GRAFFITI DI ROMA

Roma - "Annunciamo la nascita del 25/o museo civico di Roma, il nono gratuito", dichiara con entusiasmo l'assessore alla Cultura e al Turismo Giovanna Marinelli. La sede è sparsa in 150 strade di 30 quartieri che attraversano la capitale da Testaccio a Tor Bella Monaca e la collezione esposta è composta da 330 opere di street art.

Per scoprire questo patrimonio di graffiti che stanno cambiando il volto della città e riqualificando interi quartieri, dal 28 aprile nei punti turistici informativi di Roma sarà distribuita, con una tiratura iniziale di 50mila copie, una mappa che raccoglie tutti i punti di interesse. E il programma prevede in tempi brevi lo sviluppo di un’app, una sezione in continuo aggiornamento su turismoroma.it , la diffusione di un video promozionale e l’inserimento nel Google Cultural Institute.

 

fonte: www.arte.it

 

 

1 comment:

  1. La Biennale di Venezia sta facendo grame figure. Troppo dedita al business?

    ReplyDelete