Thursday, April 23, 2015

inVECCHIATO ad ARTE. Esegesi di un'opera: Bansky - RATS


 
Con i suoi stencil il writer Banksy dà il via ad immagini singolari e umoristiche, spesso accompagnate da slogan.
Messaggi rivolti contro la guerra, l'anti-capitalismo e anti-istituzionale e a favore della pace. I suoi soggetti sono animali come scimmie e ratti, ma anche poliziotti, soldati, bambini e anziani. Fa anche adesivi e sculture, come la famosa "cabina telefonica assassinata".

Londra si trova nei primi anni del 2000 sparsa degli stencil di topi, la famosa serie Rats creata dall'artista.
Curiosamente anagrammando la parola RAT si ottiene ART (arte) e per stessa ammissione dell'autore, una pure coincidenza.



 
Perché i topi? Il soggetto non a caso è scelto in quanto come animale i l topo è odiato, cacciato e perseguitato eppure cosi piccolo è capace di mettere in ginocchio intere civiltà.

"Se sei piccolo, insignificante e poco amato allora i topi sono il modello definitivo da seguire".

I topi reallizati sono intenti nelle più svariate azioni invadendo Bristol prima e Londra poi per apparire e "infestare" grandi città come Londra, Parigi, New York.

Banksy ha raffigurato molti topi a Londra aventi un cartello in mano con i più svariati messaggi, dal simbolo della pace, al simbolo dell'anarchia, a un semplice messaggio "I <3 London". Quest'ultimo è stato successivamente modificato dal "collega" di Banksy, Robbo, con la scritta "I <3 Robbo" come provocazione e sfida verso il graffitista di Bristol.


 
Spesso Banksy riproduce, capovolgendole o sovvertendole in modo ironico, immagini di opere d’arte, di Leonardo da Vinci, Edward Hopper o Andy Warhol, o simboli della cultura popolare occidentale.

I topi non sono nuovi nella simbologia artistica contemporanea, basti pensare al romanzo a fumetti Maus di Art Spiegelman, ambientato durante la seconda guerra mondiale ed incentrato sulla tragedia della Shoah, sulla base dei racconti del padre dell'autore, un sopravvissuto ad Auschwitz.

Dove i protagonisti sono rappresentati come animali in base alle caratterizzazioni e posizioni sociali grazie ad una serie di metafore: gli ebrei sono raffigurati come dei topi (Maus in lingua tedesca significa proprio "topo"), e sono contrapposti ai nazisti dipinti come gatti; i francesi diventano rane, i polacchi maiali, gli americani cani e così via.


 
Moderni esseri che si insinuano nelle città, nella società e colpiscono viscidi i simboli della civiltà, i topi come i graffiti e i graffiti come i topi, parte di una stessa medaglia.
 
Massimiliano Sabbion
 
 

No comments:

Post a Comment