Monday, February 3, 2014

Giacometti a Roma

Inaugura al pubblico "Giacometti La Scultura": oltre quaranta sculture dell'artista svizzero alla Galleria Borghese, cui l'Italia non dedicava monografie dal 1970. Una retrospettiva che era in calendario già un mese fa, ma che è stata ritardata per misteriose ragioni che la direttrice del museo ha stigmatizzato con un "non pensavo che fare mostre fosse pericoloso"
(fonte e articolo completo. Di Valentina Bernabei )



Tre ritardi e misteri che si susseguono da dicembre 2013, mese in cui era annunciata e attesa l'inaugurazione della mostra, finalmente Alberto Giacometti è arrivato alla Galleria Borghese di Roma. Un'esposizione con tutti i crismi del livello internazionale, dalla curatela all'allestimento, passando per i prestiti dei pezzi che saranno esposti dal 5 febbraio al 25 maggio. 

Quaranta sculture dell'artista nato in Svizzera, ma a pochi chilometri da Chiavenna, sono ora in dialogo con i capolavori della Galleria Borghese, che ha organizzato "Giacometti La scultura", con la cura di Anna Coliva e di Christian Klemm, uno dei più grandi studiosi dell'artista (con la Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della Città di Roma, diretta da Daniela Porro). L'ultima grande mostra italiana a lui dedicata risale al 1970, anno in cui fu protagonista di una monografica a Villa Medici, l'Accademia di Francia a Roma. 

Fare tornare le sue opere nella capitale adesso, significa completare il progetto espositivo della Galleria Borghese che ha come protagonista la figura umana nella scultura di tutti i tempi, all'epoca greca e romana al Rinascimento, passando per Barocco e Neoclassicismo. Mancava all'appello il secolo scorso, quello del Novecento e questa mostra sembra essere l'anello mancante nella Villa Pinciana, luogo che può essere considerato tempio della scultura. 

Ora, nella Sala del David, accanto a Bernini c'è Giacometti con "L'uomo che Vacilla", bronzo del 1950 proveniente dalla Kunsthaus di Zurigo. C'è  lui anche nella sala del Canova, dove, tra i tanti capolavori, accanto alla Paolina Borghese è collocata "Testa che osserva", gesso del 1928 concesso dalla Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma. Il contrasto tra le figure esili e tragicamente moderne di Giacometti e la grandezza del passato, è evidente sin dal Salone d'ingresso della Galleria Borghese, dove sono allestite le sculture che furono realizzate per la Chase Manhattan Plaza: "La donna in piedi I", la "Grande Donna II" e l'"Uomo che cammina I", opere centrali per i diversi aspetti affrontati dall'artista nella sua maturità. E fondamentali sono anche i busti degli anni '60, esposti nella Loggia del Lanfranco, a chiudere il percorso espositivo. Ma vista l'importanza dei pezzi esposti come mai tanto ritardo per questa mostra? 

(continua a leggere qui)

No comments:

Post a Comment