Wednesday, May 22, 2013

I Volti della Dea - Michelangelo Rossato


Mi piace pensare le immagini che realizzo come rappresentazioni dei diversi ma complementari aspetti dell'unica e grande Dea: un concetto innato nella mente umana e memore di culti preistorici. Essa è l'Archetipo-Madre del nostro inconscio, che ci può restituire, se le lo vogliamo, ad una spiritualità antica e potente che partiva dall'osservazione e dalla vicinanza con la natura e i suoi fenomeni: una visione del mondo in cui ogni cosa nel cosmo è sacra. Queste immagini sono "figure della sola Grande Dea", citando lo studioso junghiano Erich Neumann, "prima che vi fosse un Padre in terra o in cielo", e vorrebbero dar voce a una saggezza matriarcale (dove "archè" sta per "inizio", "origine") che da millenni comunica con noi attraverso sogni, fiabe, miti, religioni, arte, e ci spinge a recuperare il legame con le nostre radici.
Ma noi, siamo ancora capaci di darle ascolto?

Michelangelo Rossato

Michelangelo Rossato 

"Dea Uccello – Elargitrice di Tutto"

Il misterioso scomparire stagionale degli uccelli migratori e la loro enigmatica rinascita dall'uovo sono ancora fenomeni misteriosi e affascinanti: per questo le nostre madri e i nostri padri consideravano sacro quest'animale, tanto che è tra i più rappresentati nell'arte neolitica ed è anche uno degli aspetti fondamentali della Dea. La Dea come Uccello migratore segue eternamente i cicli stagionali che scandiscono il tempo dell'esistenza e depone l'uovo cosmogonico, origine del mondo. Come Uccello Acquatico essa protegge l'umidità che genera la vita, ed è dispensatrice di ogni cosa: saggezza, salute, nutrimento, arte.  Nella sua completezza e armonia essa unisce mondi: cielo e terra, suolo e acqua,  vita e aldilà.

"Dea Uccello – Elargitrice di Tutto"

No comments:

Post a Comment